Devi lasciare in mostra i vecchi quadri sul sito o no?

Ti è mai venuto il dubbio di TOGLIERE quadri un po’ datati dal tuo sito web o galleria d’immagini?

Questa domanda è venuta fuori leggendo la mail di una pittrice che conosco da un po’ e credo che il problema sia piuttosto spinoso per molti artisti:

lasciare online TUTTI i quadri o togliere quelli che non ti rappresentano più al 100%?

L’indecisione ti assale perché non capisci se è corretto mostrare tutto il tuo percorso al potenziale collezionista o se è meglio contestualizzare e restringere il “parco opere” a quelle più recenti (e soprattutto in linea) con le tue ultime scelte strategiche e di Marketing Artistico.

Ecco, anche Beatrice Pittrice (la chiamo così, mi perdonerà) era nella stessa situazione quando mi ha scritto.

Ti racconto un po’ della sua storia…

Vedi, Beatrice nell’ultimo periodo ha fatto un’analisi bella profonda su chi è come pittrice e che cosa ha da offrire. Questo è il punto di partenza, sapere a che punto ci si trova, perché altrimenti non è possibile andare avanti.

Da questa analisi è venuto fuori un cambiamento importante a livello artistico, diciamo nell’arco di circa quattro anni, in cui la nostra Beatrice ha provato e testato varie strade, alcune delle quali proprio bocciate da lei, tipo l’insegnamento.

Ha provato e si è scontrata con le mostre a pagamento, con le gallerie, con i concorsi ecc.

Tutto questo provare e la confusione sulla strada da imboccare hanno fatto sì che Beatrice rallentasse molto la produzione, anche se allo stesso tempo ha approfittato del periodo di stop per capire e fare chiarezza.

E fare chiarezza serve perché ehi! Dopo tanto caos, a un certo punto eccola, l’illuminazione!

Era tutto lì, davanti ai suoi occhi e Beatrice ha capito cosa le piace fare e come definirsi, come essere riconoscibile per la sua clientela ideale!

Fico eh? MA! C’è un nuovo problema a questo punto: passata la confusione, ora arriva il dilemma se lasciare o meno “visibili” le vecchie opere pre-illuminazione, quelle che non rientrano nella nuova identità definita da Beatrice.

 

E mo che si fa? Lasciamo o togliamo i vecchi quadri dal sito?

A questo punto sono venuta in aiuto di Beatrice Pittrice con un esempio sui… Fuoristrada cinesi!

Sì, hai capito benissimo: fuoristrada cinesi! Ma fidati perché il concetto ti sarà chiarissimo fra un momento e anche tu avrai una risposta alla domanda di apertura.

C’era una volta un’azienda automobilistica in Cina. L’azienda produceva un po’ tutti i tipi di auto e non andava molto bene… Così il CDA chiede aiuto al Mago del Marketing e del Posizionamento di marca: Al Ries.

Il mitico Al suggerisce all’azienda di focalizzare la produzione (ma prima ancora il Marketing) solo sui fuoristrada, vista la mancanza di un concorrente specializzato forte.

Illuminazione! L’azienda inizia a fare marketing per prendere il settore dei fuoristrada, secondo i consigli di Al Ries. E vissero tutti felici e contenti!

 

Aspetta, mi dirai: “ma non è possibile cambiare tutto dalla sera alla mattina, specialmente delle catene di produzione così incasinate come quelle delle auto!”

Esatto, infatti quel processo di conversione durò anni, ma il succo è che DA SUBITO l’azienda disse al mondo che era la specialista dei fuoristrada in Cina. Non era più un’azienda che faceva tutti i tipi di auto e nella comunicazione si concentrò sui fuoristrada.

Semplice no? Insomma… Ma se vuoi la storia completa vai a leggere e studiare “Focus” di Al Ries (è pure in italiano se non leggi in inglese).

Ora, noti per caso la vicinanza con la domanda: devo togliere o lasciare vecchie opere che non mi rispecchiano più sul sito o sulla galleria?

Quello che ti consiglio di fare è seguire chi ne sa moooolto di più e provare la strada di TOGLIERE dal mezzo le immagini di opere che non ti rappresentano per come sei ora, soprattutto se non sono in linea con le tue scelte strategiche e di Marketing Artistico.

Pensaci: se vuoi essere ricordato come “Tore, il pittore delle peonie” non ha senso esporre sul tuo sito anche le foto dei ritratti ai gatti che facevi dieci anni fa!

Certo, puoi ovviamente proporre quelle opere a chi potrebbe apprezzarle!

Puoi magari proporre una vendita a porte chiuse riservata ai soli collezionisti “storici”, quelli che ti seguono da anni e che hanno vissuto insieme a te questa evoluzione artistica.

Però è meglio non continuare a pubblicizzare quelle opere se il tuo percorso è cambiato.

Il vantaggio di questo “taglio netto” per te sarà una comunicazione più mirata e coerente, capace di attirare i collezionisti che ORA vuoi.

Beatrice Pittrice ha fatto e sta facendo un ottimo lavoro a livello di Marketing Artistico e ha capito che “produrre produrre produrre produrre” quadri e opere a vanvera non è proprio la cosa migliore da fare, visto che poi quei quadri dovranno essere venduti a qualcuno!

Ora che la domanda Regina dell’articolo ha una risposta netta, ovvero “togli dalla vista le opere non in linea con la tua strategia di Marketing Artistico”, nella tua mente potrebbe esserne nata una del tipo:

come faccio chiarezza e come posso capire qual è la strategia di Marketing Artistico adatta a me?

Per scoprirlo puoi iniziare iscrivendoti alla Newsletter di Pittore di Successo: riceverai via mail informazioni utili per iniziare a fare amicizia con il Marketing Artistico, oltre a ricevere la Guida Rapida “Come gestire la tua Pagina Facebook per promuovere la tua Arte anche se non sei un esperto” (che contiene anche delle pennellate di strategia prima di usare Facebook. Puoi leggere un estratto qui).

E se poi hai delle domande o vuoi capire come posso aiutarti? Dai un’occhiata a questa pagina e scrivimi pure 😉

A presto e mi raccomando, tira fuori il sogno dal cassetto!

Marina, la Dipintora prestata al Marketing Artistico

 

Foto di anteprima by Xianjuan HU su Unsplash

 

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *