Artista, cosa porti nel mondo? E la nascita del Movimento Arte Spirituale

A volte capita che per mesi non ti succeda niente di importante, nessun evento degno di particolare nota. Poi, a un certo punto, succede DI TUTTO e tu rimani frastornato dagli incontri che fai e dalle esperienze meravigliose che vivi.

Ecco, questo è quello che sento e che mi è capitato ultimamente, prima e dopo l’evento “Artista, cosa porti nel mondo?” del 28 Aprile a Bologna.

Piccola nota: questo non sarà un articolo simile agli altri articoli del blog, quindi abbi pazienza se non ti parlo di strategie, di trucchi o di risorse per fare Marketing Artistico…

Oggi semplicemente ti racconterò una storia. Anzi due!

La storia di quando ho incontrato dal vivo un gruppo di artisti fantastici, con cui ho condiviso una giornata ricca di emozioni, e quella della nascita del Movimento Arte Spirituale.

Partiamo con ordine, rigorosamente cronologico.

 

Livorno, interno giorno (l’interno è quello del centro commerciale dove stavo mangiando una focaccia livornese)

 

Alice e Marina al centro commerciale di LivornoAll’inizio di Marzo ho fatto una toccata e fuga da Alice Piazza di Albero & Anima sia per lavorare insieme ad alcuni progetti personali, sia per sperimentare dal vivo una delle sue meditazioni con le tele Spirituali e Monocorda®.

Poco prima del mio ritorno a casa, i nostri discorsi sono volati su temi ed esigenze profonde che entrambe sentivamo forte e chiaro.

Così, in un posto un po’ meno romantico del famoso Caffè Guerbois, culla dell’Impressionismo, è nata l’idea del Movimento Arte Spirituale.

E il nome? Quello è arrivato alla stazione di Livorno pochi minuti prima che prendessi il treno del ritorno.

Sorrido tra me e me perché probabilmente non potevamo trovare un posto migliore per battezzare il progetto: certo, le stazioni sono luoghi di addii e arrivederci, ma sono anche posti in cui ci si incontra e in cui le cose possono partire per lunghi ed emozionanti viaggi.

In questo caso io e Alice siamo salite proprio su un gran bel treno!

 

Forlì, inizio Aprile, sempre interno giorno (e sempre con cose da mangiare varie a portata di mano)

 

Sigillo del Movimento Arte Spirituale

Questa volta è Alice ad essere venuta da me. Forse non ci crederai, ma nell’arco di soli due giorni belli pieni abbiamo piantato i pilastri del Movimento Arte Spirituale!

Quasi non riuscivamo a credere di aver scritto in così poco tempo Introduzione, Manifesto in 8 punti e le 13 Regole di comportamento.

Sì, è proprio vero che quando le cose devono succedere, succedono e basta mettersì lì e FARE.

Ma non abbiamo curato solo questi aspetti!

Parlando del progetto agli artisti interessati, scherzando io e Alice facciamo la domanda: “che programmi hai da qui ai prossimi 7 anni?”

Perché, prese dalla foga del momento, abbiamo buttato giù i temi per i prossimi eventi da qui a 7 anni, considerando anche una partenza tranquilla verso la fine del 2018… Quindi c’è moooolto da fare!

 

“Artista, cosa porti nel Mondo?”

Ed eccoci arrivare con la storia al 28 Aprile 2018, dopo giorni (anzi settimane) di silenzioso fermento e preparazione, durante l’evento “Artista, cosa porti nel mondo?” abbiamo presentato ufficialmente il Movimento Arte Spirituale.

La giornata è stata stupenda ed emozionante! La nostra tavola rotonda si è svolta in maniera molto naturale, in un’atmosfera amichevole e in un posto molto accogliente, l’Associazione Culturale Il Volo (ragazzi carinissimi e disponibilissimi!)

Ci siamo confrontati sulle nostre esperienze nel mondo dell’Arte, abbiamo parlato di come comunicare al mondo quello che facciamo e infine abbiamo meditato insieme davanti al grande arazzo di Alice, accompagnati dal suono del Monocorda®.

Data la presenza di artisti e creativi, non abbiamo resistito all’impulso di scardinare il programma della giornata: giusto un po’ prima del previsto… Ecco svelato il mistero, ecco la presentazione del Movimento Arte Spirituale!

 

Oh, ma allora sto Movimento Arte Spirituale che cavolo è?

Semplicemente un’occasione per artisti e persone appassionate d’Arte di dialogare insieme, di esprimersi e di farsi delle domande sul tema della Spiritualità.

 

E come lo facciamo tutto questo?

L’idea è quella di mettere in piedi al massimo quattro eventi cardine l’anno, nello spazio di circa quattro giorni, su cui di riflettere e confrontarsi su un tema legato alla Spiritualità e diverso ogni volta.

L’artista esprimerà liberamente la propria visione con diversi mezzi (pittura, scultura, danza, poesia, performance…) e chi parteciperà agli eventi, invece, potrà immergersi e vivere un’esperienza vera e propria insieme agli artisti presenti.

 

Questa storia ti ha incuriosito? Puoi approfondire l’argomento leggendo il Manifesto del Movimento Arte Spirituale sul sito (messo online di fresco, freschissimo).

Chiudo questo articolo un po’ strano rispetto al solito con una riflessione, ovvero cosa mi porto a casa da questo evento dal vivo e dalle ultime settimane.

 

Sono 4 cose fondamentali:

  1. La consapevolezza che c’è bisogno di mettere insieme Arte e Spiritualità e che con il Movimento possiamo farcela, abbiamo un modo per riuscirci. Insieme.
  2. La bellezza della condivisione e del guardarci negli occhi: va bene il Web, certo, ma il contatto umano e dal vivo con le persone è insostituibile.
  3. La gratitudine per l’entusiasmo e l’accoglienza veramente inaspettata alla presentazione del Movimento. Sul serio, non immaginavo fossero così grandi! (Anche da parte di chi non era fisicamente con noi a Bologna, tra l’altro).
  4. Le lezioni imparate nell’organizzazione dell’evento e di tutto quello che è seguito e sta succedendo proprio adesso…

 

Insomma, se in un articolo non ci metto un elenco puntato non sono contenta, abbi pazienza.

E mo che succede? Ti ammorberò con pippozzi continui sul Movimento Arte Spirituale?

No, tranquillo, quelli probabilmente li farò in altri posti. Sappi però che l’esperienza dell’evento a Bologna e le esperienze che farò durante la promozione, la gestione logistica e la strategia del Movimento, di sicuro le porterò qui in qualche modo: digerite, semplificate e messe giù per poterti essere d’aiuto nella tua attività di pittore e artista che cerca di togliere il sogno dal cassetto.

Sai cosa? Per una volta ti dico io qual è il mio di sogno da togliere dal cassetto:

aiutare il Mondo a diventare un posto migliore anche grazie all’Arte e agli artisti che hanno questo stesso scopo.

E il tuo di sogno nel cassetto?

Raccontamelo nei commenti se ti va, oppure scrivimi a marina[@]pittoredisuccesso.com

Per ora ti saluto!

Marina, la Dipintora prestata al Marketing Artistico